Image Alt

Blog

DA PONTE D’ARBIA A SAN QUIRICO D’ORCIA

DA PONTE D’ARBIA A SAN QUIRICO D’ORCIA

– LA GIORNATA DELLE MILLE SALITE –

Tappa:2Ora partenza:  06.10
Data:Martedì 25 agosto 2020Ora arrivo:14.50
Partenza:Ponte d’ArbiaTempo totale:    8 ore 40 minuti
Arrivo:San Quirico d'OrciaTempo in cammino:7 ore 15 minuti
Km percorsi oggi:31.5Meteo:  Sole
Km percorsi totali:61.3Temperatura:33°

Secondo giorno. e seconda tappa lungo la Via Francigena.

Sveglia alle 5,30, rifacciamo lo zaino, un salto al bar e si parte.

Questa mattina la nebbia ci fa compagnia.

Dopo le prime due salite della giornata (un antipasto) arriviamo, dopo 5 km, a Buonconvento intorno alle 7.30: una seconda colazione, due panini per il pranzo e si riparte.

Altri 5 km di strada tutto sommato pianeggiante e inizia la salita prima verso Castello Tricerchi e poi verso verso Caparzo, dove l’arrivo all’azienda agricola ti illude con una bella e scenografica discesa.

Siamo ormai nel regno del Brunello.

Passata l’azienda agricola la strada riprende a salire, poche curve e ci fermiamo ad una area di sosta con un tavolo e due panchine. Ormai sono le dieci, direi che è tempo per addentare un panino.

Intanto anche la nebbia inizia a diradarsi e lascia intravedere il viale alberato che conduce all’azienda agricola Fior di Montalcino: wow.

Riprendiamo il cammino fino alla Località Valdicava, la nebbia ormai se ne è andata e dall’altra parte della valle spunta l’abitato di Montalcino, che sarà poi una presenza costante per il resto della giornata.

Il percorso prosegue in cresta, con a destra Montalcino e a sinistra una bella vallata con in lontananza una paese adagiato sulla collina e pensi: “naaaa non è Torrenieri”, dovrebbe essere dietro la collina da quest’altra parte, ma intanto si continua e il pensiero ti ritorna ogni volta che lo guardi, fino a quando arrivi alle porte del paese e ti convinci che: “Eh si, era proprio Terrenieri”, ma ormai ci siamo arrivati (ho verificato all’arrivo come questo sia stato il pensiero di tante persone).

Una veloce sosta alla fontanella all’ingresso del paese e si riparte, o almeno ci proviamo.

Si, perché le gambe cominciano a risentire delle salite del mattino, ma l’arrivo è ancora lontano, molto lontano.

All’uscita da Torrenieri seguendo la salita della strada provinciale 137, vengo raggiunto da Myriam, il resto della strada di oggi la faremo insieme.

Arriviamo in cima alla collina, scendiamo verso il fondovalle dove passiamo sotto al viadotto della Cassia e imbocchiamo l’ultima salita sembra non finire mai e che ci condurrà fino a San Quirico, la nostra destinazione di oggi.

E’ dura, sotto un sole che non da tregua e con l’acqua che scarseggia sempre più, finché arriviamo ad una casa dove una signora gentilissima ci permette di fare rifornimento, e così ripartiamo carichi verso la meta.

L’ultimo tratto è veramente ripido ma mancano pochi metri, ormai siamo arrivati. Ah no. Al termine della salita c’è ancora una bella scalinata, ma ormai niente ci può fermare.

E all’arrivo, in attesa che apra la struttura, un bel gelato tra le vie di San Quirico d’Orcia.

A cena un bel tagliere di salumi e formaggi toscani e dei pici al ragù di cinghiale.

Un ringraziamento per la tappa di oggi a Myriam per aver condiviso un tratto di cammino.

– GALLERY –
 
– PERCORSO –
 
Total climbing: 764 m
Total descent: -494 m

Post a Comment

Lorem ipsum dolor sit amet, consectetur adipisicing elit sed.

Follow us on